• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Annare'

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Sono revisore dei conti (non professionista) di un piccolo condominio. L'anno scorso mi sono accorta che il saldo del conto corrente era maggiore di circa 1800 Euro della somma dei condòmini a credito (quell'anno tutti) quindi ho presupposto ci fossero stati dei versamenti negli anni precedenti a titolo di fondo che pero' non appare nella situazione patrimoniale. In assemblea alcuni proprietari mi hanno detto che si' all'inizio avevano versato qualcosa ma non era stato scritto nulla, non ricordavano la cifra e molti appartamenti hanno cambiato piu' volte proprieta'. Quindi questi soldi sono sempre li' nel conto corrente e vengono, se serve, usati per le spese correnti durante l'anno ma riemergono per effetto della chiusura esercizio. Chiedo: dobbiamo accantonarli in un fondo e come li attribuiamo? In base ai millesimi di proprieta' agli attuali proprietari?Con finalita' specifiche? Oppure li spendiamo definitivamente per le spese correnti e cioe' se si prevedono 10000 Euro di spese per l'anno 2020, noi condòmini ne anticipiamo solo 8200 Euro perche' gli altri 1800 Euro sono gia' sul conto?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Ma chi ha redatto i Bilanci precedenti non ha mai rilevato l'incongruenza?

Tu sei "revisore dei conti" (???)...ma chi fa l'amministratore?

Se nessuno contesta avete 2 possibilità:

A)Prelevate la somma distribuendo in proporzione vai millesimi di proprietà.
B)Accreditate ai singoli condòmini, sempre in base millesimale, lasciando i soldi sul c/c (a mo di fondo cassa).
 
Ultima modifica:

Annare'

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Ma chi ha redatto i Bilanci precedenti non ha mai rilevato l'incongruenza?

Tu sei "revisore dei conti" (???)...ma chi fa l'amministratore?

Se nessuno contesta avete 2 possibilità:

A)Prelevate la somma distribuendo in proporzione vai millesimi di proprietà.
B)Accreditate ai singoli condòmini, sempre in base millesimale, lasciando i soldi sul c/c (a mo di fondo cassa).
Intanto grazie per la risposta. Ipotizzando per la B ,volendo lasciare i soldi sul c/c che ce n'e' sempre bisogno, non capisco come deve essere fatta la scrittura di accredito ai condòmini. Cioe' facciamo apparire nella ripartizione quote il credito pero' non lo scomputiamo dai debiti del nuovo esercizio? A differenza di quei crediti maturati nel corso dell'anno che l'amministratore ci scomputa dalla prima rata di pagamento?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Posto che non avete obbligo di una contabilità rigorosa (in partita doppia andrebbe rilevata la sopravvenienza di cassa) non fate altro che figurare tale somma come acconti/crediti dei singoli partecipanti.
Quindi visto che nell'Attivo dello Stato Patrimonio la Banca c/c già rileva il valore corretto vi manca solo la compensazione nel Passivo:
o aumentate il valore dei Debiti v/Condòmini (o voce analoga) o create il conto "Fondo Cassa".

La differenza è puramente formale, un "fondo" deve rimanere fintanto che non ne viene deliberato l'utilizzo.


Visto che scrivi esiste un Amministratore trovo poco professionale che non avesse rilevato e sistemato lui il Bilancio alla nomina.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto