• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

evergian

Membro Junior
Ragioniere
Buongiorno,
a brevissimo devo affrontare una assemblea, in qualità di delegato di una mia amica, a seguito della ennesima richiesta di un condòmino che vuole che siano modificati i millesimi di proprietà e dell'ascensore. Argomenti che vanno avanti da un pò di tempo in quanto la maggior parte dei condòmini non ne vuol sapere e che conseguentemente disertano le assemblee. Premetto che il condòmino richiedente ogni volta sbraita a gran voce ma alla fine non specifica dove vede gli errori (le tabelle sono di circa 45 anni fà con tanto di regolamento contrattuale comprensivo di dette tabelle) se non che le sue sono troppo alte rispetto ad altre. Aggiungo che porterà in assemblea il preventivo di un elaborato con nuove tabelle.
Ora chiedo a voi esperti quali motivazioni e quali documenti validi questo tizio dovrà portare affinchè venga presa in considerazione la sua richiesta ma soprattutto che venga dimostrata l'erroneità dei vecchi millesimi? E se per caso così fosse (?) andrebbero riprese le misure appartamento per appartamento? Grazie
Gianfranco
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Il problema di fondo è che se affidi a 10 professionisti la determinazione dei millesimi potresti avere 10 risultati diversi ...a volte anche clamorosamente diversi.

Legge e Giurisprudenza consentono di modificare le tabelle millesimali anche con la maggioranza dei votanti ed almeno 500 millesimi.

Se tale signore è convinto di un rilevante errore dovrà convincere con dati alla mano...altrimenti non gli resta che il ricorso al Tribunale.

Tabelle fatte 45 anni fà sono valide...salvo non siano intervenute modifiche (ampliamenti di cubatura o diminuzioni) superiori a 1/5 del valore dell'unità interessata.
In tal caso compete al proprietario di tale unità l'onere delle spese per l'adeguamento delle stesse.
 

evergian

Membro Junior
Ragioniere
Più o meno ero sulla tua lunghezza d'onda ma leggere la tua risposta mi dà più sicurezza sull'argomento che è scabroso non poco. Grazie Dimaraz. Saluti
evergian
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto