• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ernesto ventre

Membro Junior
Condòmino proprietario
Da oltre due anni sono stati deliberati dei lavori ai frontalini dei balconi, per causa di morosità e quanta'altro, i lavori non sono mai iniziati. Ora a causa di un ulteriore rovinarsi dell'intonaco ci sono almeno sul mio (frontalino balcone) diverse crepe e intonaci cadenti anche dopo una parziale messa in sicurezza. Posso intervenire in proprio e poi rivalermi sulle prossime quote condominiali. Grazie Ernesto
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Ora a causa di un ulteriore rovinarsi dell'intonaco ci sono almeno sul mio (frontalino balcone)

Intanto occorre distinguere la tipologia di balconi.
Se si tratta di balconi aggettanti la competenza non è condominiale ma del singolo.
Diventa una questione condominiale solo se i frontalini abbiano particolari decori/rifiniture o se si tratta di balconi incassati.

Nulla impedisce che il Condominio decida di fare il lavoro collettivamente (risparmio sui costi) ma la spesa andrà ripartita unicamente fra quanti interessati all'intervento.

Qualora si intervenga anche su parti comuni (muri perimetrali, tetto) si dovrà distinguere la spesa separando una quota comune ed una quota dei singoli.

Esiste l'obbligo di creare anticipatamente un fondo/accantonamento pari all'importo dei lavori da appaltare prima di darne corso.

Se i tuoi balconi sono del tipo aggettante puoi intervenire a tua discrezione sui frontalini ...ma nulla puoi pretendere dagli altri.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto