• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Foggy

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno a tutti, mi trovo a valutare il recupero del sottotetto condominiale posto sopra il mio appartamento ma mi sto trovando davanti a problemi sul come farmi approvare i lavori e come tutelarmi da eventuali successive pretese/liti condominiali.
Condominio di 7p e 28 app, sottotetto accatastato ( ha una sua particella ).
Da visura catastale risulta ancora intestato all'azienda costruttrice ( che interpellata ha già dichiarato di non avere alcun diritto sul sottotetto ) e vige un diritto di superficie, il condominio in origine è stato costruito come edilizia convenzionata, anni fà però abbiamo acquistato dal comune la superficie.
Il sottotetto da regolamento condominiale risulta tra le parti comuni ( e ne ha anche tutte le caratteristiche per considerarlo tale ).
Non vi è alcun riferimento nell'atto di acquisto originario relativamente al sottotetto.
Fatto salvo che occorrerà comunque l'unanimità del condominio sono a chiedere :
Vi è alternativa alla compravendita ( che risulterebbe impossibile a livello organizzativo visto il numero delle parti coinvolte ) ?
Se modificassimo il regolamento di condominio e definissimo un uso esclusivo, e sempre all'unanimità facessi approvare le modifiche che voglio apportare ( tra cui ovviamente chiudere una parte del sottotetto, lasciando comunque una zona per accesso ad impianti e tetto ), sarei poi tutelato nel caso che un condòmino si svegliasse con il piede sbagliato ?
Nel caso remotissimo che poi intenda vendere l'appartamento, il diritto all'uso esclusivo dovrà sempre essere rinnovato all'unanimità o se nel regolamento indichiamo non il mio nome il riferimento dell'appartamento questo si trasferirebbe in automatico ?

Mi scuso per la lunghezza ma ho cercato di inserire le info che possano chiarire la situazione in cui mi trovo.
Ringrazio da subito chi sappia indirizzarmi a soluzione il meno dolorosa possibile ( la compravendita proprio no... ) ma che possa tutelarmi domani.

Michele
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
La compravendita non è di fatto impossibile...e rimane certamente l'unica strada che ti garantisce da "questioni e opposizioni" future.

Trovo strano che lo stesso sia area comune...ma risulti ancora intestato al vecchio costruttore. Si potrebbe supporre che tu possa acqusitarlo da chi risulta titolare.

Occhio che l'acquisto e la modifica edilizia comporta anche tutta un'altra serie di oneri.
Di fatto avresti un aumento della tua superficie il che comporta una revisione (a tuo carico) delle tabelle.

L'assegnazione in "uso esclusivo" è siuramente più sbrigativa e se collegata al tuo "interno" avrebbe valore anche per chi eventualmente comprasse la tua proprietà...ma nei fatti potrebbe essere limitata la possibilità di azione/modifica.
 

Foggy

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Grazie, per le modifiche cercherei di ridurle al minimo, 3 pareti ed un paio di velux, oltre ovviamente a pavimenti ed isolamento tetto, niente collegamenti acqua probabilmente.
Cosa intendi per limitata azione ?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
L' uso esclusivo non significa proprietà quindi non puoi apportare a tuo piacimento modifiche.
Per ogni modifica dovresti ottenere autorizzazione dall'assemblea.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto