• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Giulio

Membro Junior
Altro Professionista
Buongiorno,
vorrei un informazione riguardo ad una problematica cui mi trovo dover risolvere e motivo di molteplici discussioni:
_ in un condominio di 24 unità immobiliari ad un condòmino l'amministratore del tempo attribuisce una riduzione delle spese di riscaldamento del 30% con una delibera assembleare del 2005 in cui erano presenti solamente 17 condòmini su 24.

Ora un condòmino vuol appellare la delibera perché sostiene che già all'epoca serviva l'unanimità dei condòmini per deliberare la riduzione e non solamente 17 su 24.

Visto che all'epoca non praticavo l'attività di amministratore, qualcuno può aiutarmi su quali erano le maggioranze del tempo (2005)????? perché se avesse ragione il condòmino la delibera è nulla e tutti potrebbero richiedere le quote stornate......

Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Nulla è cambiato in tal senso con la riforma del 2012...l'approvazione di un simile criterio di ripartizione (sconto ad 1 dei condòmini) richiedeva e tuttora richiede una delibera votata all'unanimità (1000/1000).

Per definire se la stessa sia "nulla" o "annulabile" o se siano stati commessi errori bisognerebbe leggere il testo integrale di tale delibera.

Un conto è se era una delibera "una tantum" (era solo "annullabile)...altro discorso se hanno inserito tale "clausola" nel regolamento di condominio o nel criterio per la redazione del piano di riparto valido "per sempre" (allora sarebbe "nulla").

Altro "busillis" il fatto che dal 2005 sono passati 11 anni...durante i quali presumo siano sempre stati approvati i Bilanci e nessuno abbia mai sollevato la questione.

Con l'approvazione e la mancata impugnazione entro i 30 gg hanno reso valida la ripartizione.
Non aver mai contestato per un periodo così lungo ha reso tal criterio una "consuetudine".

Ammesso e non concesso che un Giudice renda "nulla" tal delibera, l'azione per il recupero delle somme versate in più si limiterebbe ai soli ultimi 5 anni (per gli altri è ormai intervenuta la "prescrizione").

Puoi spiegare quanto sopra ma non resta che attendere gli sviluppi del ricorso del "contrario" che ora si è svegliato...altrimenti qualsiasi modifica che ripristini secondo Legge dovrà essere approvata da tutti (1000/1000) .
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto