• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

paolo spinnato

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Nel condominio che amministro(l'unico, è dove abito) ogni volta che si approva il consuntivo ho diverse lamentele per il numero dei condòmini che vengono indicati ai fini del pagamento dell'acqua. Succede che come anagrafe condominiale risultano essere 2 condòmini ma in realta', in un alloggio sono sempre presenti i nipoti che uscendo da scuola alle 13 attendono i genitori che li vengono a prendere a fine lavoro; altro caso la figlia che risiede in altra città è sempre presente nell'alloggio perchè i genitori sono anziani. Altro caso ancora, lavorando la condomina per una stireria secondo alcuni dovrebbe pagare l'acqua che consuma con il ferro da stiro. A me sembrano tutte discussioni fuori luogo perchè da sempre, se non ricevo comunicazioni formali, mi attengo a quanto indicato nell'anagrafe condominiale. Cosa ne pensate??
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Nel condominio che amministro(l'unico, è dove abito) ogni volta che si approva il consuntivo ho diverse lamentele per il numero dei condòmini che vengono indicati ai fini del pagamento dell'acqua

Mi sorge un dubbio, visto che non sei amministratore di professione, il criterio di riparto che stai utilizzando è fissato in un Regolamento di Condominio di tipo Contrattuale?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto