• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Prendigiacomo

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
E' sicuramente una domanda che si fanno tanti e in qualche caso passa da domanda a proposito.
Quindi perchè non parlarne qui insieme a professionisti che fanno questo mestiere chi da molti anni, chi da meno?

Cominciamo col dire che negli ultimi anni, fare l'amministratore di condominio è diventata una vera a propria professione che non invidia nulla ad altre più balsonate professioni per le quali occorre addirittura non solo una laurea specifica ma un esame statale abilitante e un'iscrizione ad un apposito albo (unione europea permettendo).

Ma non è un lavoro tutto numeri e adempimenti. L'amministratore di condominio ormai ha una vera e propria funzione sociale, gestisce infatti una complessa comunità di persone che al di la delle proteste e delle richieste impazzite vive nella propria abitazione che considera la cosa più preziosa che ha.
Per non parlare dei disabili dove ve ne sono, degli anziani e dei bambini che crescono proprio in quel condominio.

Eppure per fare tutto questo, in fondo, basta poco. Ma non fatevi ammaliare dalla facilità con cui si può accedere alla professione, piuttosto innamoratevi di questa materia e di questo ruolo e solo allora potrete diventare degli amministratori di condominio abili, comprensivi, disciplinati e capaci, raccogliendo sfide e soddisfazioni in abbondanza per una lunga carriera ricca di soddifazioni, perchè no, anche economiche oltre che professionali e umane.

Ma come si fa a diventare amministratori di condominio?
La premessa è il diploma di scuola superiore e fedina penale pulita.
Con questi requisiti davvero comuni, si deve frequentare un corso di formazione. Di solito si frequentano quelli delle associazioni più in voga, ad esempio l'ANACI (Associazione Nazionale Ammininistratori Condominiali e Immobiliari), l'ANAMNI (Associazione Nazional-Europea degli Amministratori di Immobili) ma ce ne sono anche altre.
La durata dei corsi variano da associazione ad associazione e da città e città a seconda di come sono organizzati e gestiti e possono costare fino a 1.000€.
Alla fine del corso viene consegnato un attestato di frequentazione ma niente di più e con questo attestato potremo operare come amministratori di condominio a tutti gli effetti.
Al momento non esiste un albo degli amministratori di condominio e visto che l'Unione Europea chiede a gran voce l'eliminazione di quelli che ci sono, dubito che l'avremo mai. Ma non è un gran problema, si sta bene anche senza. Quello che conta è il rispetto, un po' di umiltà perchè c'è sempre da imparare e tanta voglia di fare bene.
Le associazioni e i forum di discussione frequentati da professionisti come questo, sono un'ottima fonte di informazione e soprattutto di confronto per assumere decisioni delicate, informarsi, mettere alla prova le proprie convinzioni e imparare giornalmente cose nuove.
Ritengo sicuramente più formativo venire qui su CondominioPro che frequentare corsi di aggiornamento professionale che spesso sono tenuti da personale non adeguato o che restituiscono informazioni parziali o parzialmente aggiornate (basta una circolare di un ministero per rimettere in discussione mesi di convinzioni anche di testate importanti).

Per finire sui corsi, se posso dare un consiglio a chi non ha mai fatto questo mestiere, non sceglietelo in base al prezzo, nè in base all'associazione che lo organizza. Ma in base ai docenti.
Spesso purtroppo (l'ADUC ne sa qualcosa) i corsi sono fatti solo per prendere le quote senza restituire alcuna formazione di qualità. Un buon corso è fondamentale per acquisire le basi e prepararsi alla professione.

Infine, consiglio caldamento un periodi di tirocinio anche sotto-sotto-pagato a patto di farlo presso un amministratore di chiara professionalità.
E' fondamentale avere una guida i primi mesi/anni di lavoro in questo settore. Capire le dinamiche e imparare le basi. Purtroppo non tutti i maestri sono buoni maestri e un tirocinio a volte potrebbe rivelarsi una cattiva idea.

Sorvolo su cosa deve fare un amministratore di condominio, perchè il discorso è davvero troppo lungo, però parliamone. Sarà interessante scoprirlo insieme :)

E veniamo alla domanda che mi fanno tutti i tirocinanti: Ma quanto si guadagna facendo l'amministratore condominiale?
Beh, dipende ovviamente. Dipende dalle dimensioni dei condominii che si gestiscono e da quanti condomii si gestiscono.
Con una decina di condominii di medie dimensioni ci si può tirare fuori uno stipendio normale. Con il doppio o il triplo si può guadagnare benino, ma con 30 condominii se gestiti davvero si lavora davvero senza sosta.
Oltre i 30 condomii si deve assumere personale, e occorre valutare da imprenditori (si siete anche questo) se ne vale la pena.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Da non "professionista" vedo di integrare/tradurre la questione "grandezza":
i condòmini "iniziano" da 2 proprietari e fino a 8 non esiste obbligo di amministratore...per arrivare anche a qualche centinaio con ancora nessun obbligo di amministratore salvo esplicita richiesta di almeno un proprietario (difficile farne senza già a partire da meno di 10 proprietari...pressochè impossibile oltre).

Proprio perchè le dimensioni (proprietari) di un Condominio possono variare enormemente e il compenso viene calibrato sulal quantità di "teste" più che sul numero di "edifici" sposterei l' analisi sui condòmini alias proprietari.

La crisi c'è per tutti ...amministratori di Condominio inclusi...ergo la guerra dei prezzi vale anche qui.
Per quanto appurato la forbice dei preventivi/offerta è compresa fra i 50/60 Euro e i 120/150 Euro per ogni partecipante al Condominio...in funzione della grandezza del "complesso" e della zona.

Se poniamo il minimo di salario netto a quota 1.000 Euro mensili significa che servirà un ricavo lordo di almeno 30.000 Euro anno o anche superiore in funzione di quali cespiti ci si vorrà dotare e come li si vorrà ammortizzare.
Tradotto significa che servirà una platea di "clienti" compresa fra i 250 e i 500 condòmini/proprietari.

Numeri inferiori per chi può iniziare con regimi fiscali di "favore".
 

felice

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Certo e vogliamo discutere su quanto e' impegnativo acquisire nuovi clienti. Non pensiate che facendo un sito la gente viene da sola in ufficio a cercarvi.
Il lavoro e' piu' grande e complesso di quello che si può percepire.
Internet e' piena di siti professionali e altri che raccolgono i vari amministratori a registrarsi per avere eventuali offerte. Ma non e' una questione solo di soldi, ma di professionalita'.
Si non nego che anche io ho un sito su internet http://www.amministratoretorino.it
ma e' solo per riassumere in modo molto schematico cosa posso offrire.
 

Francesco Rossini

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
diciamo che il discorso è abbastanza complesso...nella mia esperienza lavorativa in media sono riuscito ad ottenere circa 80€ all'anno per ogni condòmino, più o meno indipendentemente dalla dimensione dello stabile..c'è da dire però che ogni condominio ha la sua "storia" e le sue problematiche "più o meno note" all'atto dell'accordo sulla tariffa...nel mio caso ho trovato utile il concetto di focalizzarsi su una parte fissa e una variabile, come ben descritto in questo articolo

Compenso amministratore di condominio

Poi è ovvio che le variabili sono davvero tante..ma servono spunti per potersi orientare, poi l'esperienza farà il resto...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto