• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Daneb

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buongiorno a tutti, propongo una questione al quale il nostro amministratore condominiale non ha saputo rispondere a mio parere con la necessaria chiarezza.

In breve la questione è la seguente... Abbiamo uno dei condòmini che vorrebbe realizzare nel proprio giardino una tettoia occupando una parte anche condominiale. Nella scorsa assemblea ha fatto mettere il punto all'ordine del giorno all'amministratore il quale lo ha ovviamente elencato tra quelli in discussione e ne abbiamo parlato.

Il condòmino in questione ha spiegato quello che vorrebbe fare con dovizia di particolari e buona parte dell'assemblea alla fine era piuttosto favorevole e così ha ottenuto una delibera per poter iniziare le opere.

Tuttavia la minoranza dei condòmini contrari non si è data per vinta e ha fatto pressioni all'amministratore per annullare la delibera adducendo vistosi vizi di forma nella convocazione.

Sull'invalidità di quella assemblea siamo tutti d'accordo, anche il condòmino della tettoia.

Così quest'ultimo ha richiesto all'amministratore una nuova convocazione qesta volta straordinaria e abbiamo rifatto l'assemblea per discutere di qesto argomento.

All'assemblea però, questa volta, la delibera è stata sfavorevole in quanto la maggioranza ha votato contro.

Ora il condòmino che vuole la tettoia, vorrebbe far convocare una ulteriore assemblea col medesimo punto all'ordine del giorno, il che è un po' assurdo oltre che costoso.

La domanda che vi pongo è: Può l'amministratore convocare un assemblea o comunque mettere all'ordine del giorno un punto precedentemente sottoposto all'attenzione dell'assemblea precedente anche se è stato già dibattuto e deliberato?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
E' nelle facoltà dell' Amministratore convocare assemblea straordinaria per discutere su qualsivoglia questione...anche reiterando punti già affrontati.

Non sussite comunque obbligo, per l'Amministatore, di convocare assemblee tranne che la richiesta sia fatta da almeno 2 proprietari che rappresentino 1/6 dei millesimi totali.

Nel caso citato ..."taglierei" direttamente le velleità del proprietario facendogli notare che la tettoia può "forse" costruirla nella sua porzione (ammesso e non concesso sussistano tutti gli altri requisisti)...ma per l' uso "personale ed esclusivo" anche di quota "comune" deve ottenere l' assenso di tutti (unanimità di 1000/millesimi)...cosa che a quanto spieghi non aveva nemmeno alla prima delibera.

Non trascurate la questione "requisiti" perchè fra distanze, vedute in appiombo e "cubatura" la regolarità di una tettoia è tutt' altro che agevole.
 

Daneb

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Nel caso citato ..."taglierei" direttamente le velleità del proprietario facendogli notare che la tettoia può "forse" costruirla nella sua porzione (ammesso e non concesso sussistano tutti gli altri requisisti)...ma per l' uso "personale ed esclusivo" anche di quota "comune" deve ottenere l' assenso di tutti (unanimità di 1000/millesimi)...cosa che a quanto spieghi non aveva nemmeno alla prima delibera.
Ci stiamo provando! :disappunto: Ma non demorde! :disappunto:
 

Marco Lago

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Buongiorno,

sempre sul tema "doppia delibera", nel mio condominio era stata fatta in sede di assemblea ordinaria una votazione in merito a lavori di tinteggiatura.
La maggioranza ha votato negativamente ed è stato messo a verbale.

Dopo circa un mese, alcuni condòmini (nel numero corretto), hanno chiesto una riunione straordinaria per il medesimo argomento (identico ordine del giorno).
Chiedo se
* dato che la prima assemblea aveva tutte le carte in regola,
* la votazione è stata corretta e
* la maggioranza ha espresso parere negativo
* Nel frattempo le condizioni del condominio non sono mutate (ovvero non è peggiorato da richiedere di rivedere la cosa
* la maggioranza ha approvato la delibera.

C'è qualche appiglio par far valere la prima delibera ed invalidare la seconda?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto