• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

maurossi

Nuovo Iscritto
Ragioniere
Riunione condominiale indetta soprattutto per decidere di cambiare la saracinesca di un posto auto, togliendo quella a maglie che si rompeva spesso, per metterne una di altro materiale a scorrimento.
LA divisione delle spese deve avvenire secondo i millesimi dei posti auto e non per proprietà (regolamento di condominio alla mano).
Come deve avvenire l'assemblea?
La saracinesca sostituita serve per far accedere dall'esterno alla zona dove sono posizionati tutti i posti auto della rimessa interrata (dalla quale tra l'altro si può liberamente accedere alle proprietà immobiliari senza dover aprire nessuna serratura)
I posti auto sono stati venduti liberamente senza vincoli tra proprietari di casa o meno.
Quindi ad oggi, alcuni condòmini (non tutti) hanno acquistato questi posti auto, altri sono ancora invenduti (di proprietà del costruttore), altri ne hanno acquistati 2.
L'Amministratore del condominio ha indetto un'assemblea con all'ordine del giorno anche l'approvazione di questa spesa.
Il verbale dell'assemblea riporta le firme dei partecipanti con indicazione dei millesimi della proprietà, la votazione da parte dei presenti è stata fatta senza contare i millesimi relativi ai posti auto, è corretto? Non dovevano votare solo i proprietari dei posti auto? E se tra i presenti non c'erano i 500 millesimi relativi alla maggioranza dei soli proprietari dei posti auto si poteva regolarmente deliberare questa spesa? Può essere impugnata?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Se il Regolamento prevedeva il riparto sulla base dei millesimi garage...quelli che avevano diritto di voto erano i proprietari di box/posti auto.
Anche il costruttore aveva diritto di voto (e obbligo di pagare) per l'invenduto salvo il Condominio sia costituito da meno di 2 anni e vi sia clausola che lo esenta dalle spese.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto