• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Dave

Nuovo Iscritto
Altro Lavoratore
Buongiorno a tutti, sono un felice portinaio e da qualche mese sto seguendo il corso iniziale obbligatorio per amministratori di condominio.

Durante il corso, almeno fino adesso, sono sorti 2 quesiti che mi riguardano, per carità, niente che osti la possibilità di amministrare, solo questioni "gestionali"

1: E' possibile, almemo per iniziare, non aprire la partita IVA? Se si in quale modo? Usando i c.d. co.co.co o altro?

2: Se dovessero chiedermi di amministrare il condominio nel quale lavoro, cosa non proprio probabile, nulla osta a questo?

Ringrazio anticipatamente chi avrà la gentilezza di rispondermi ed, eventualmente, farmi fare bella figura coi miei "colleghi di corso". :). Buona giornata






 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
1) Ni.
L'AdE prevede che il CoCoCo sia utilizzato solo nel caso del condòmino che viene nominato amministratore del proprio Condominio.
Quindi potresti usare tale inquadramento se vieni nominato dove sei proprietario.
In tutti gli altri casi devi aprire Partita IVA e scegliere quale regime fiscale adottare.

2)Il "buon senso" dovrebbe proibire tale aberrazione. Essere "dipendente" e al contempo "datore di lavoro" (seppur in rappresentanza)...!!!

Ps. Sei in possesso di un titolo di studio (diploma)?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto