• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Serena Bosco

Membro Ordinario
Inquilino / Conduttore
Più della metà dei condòmini vorrebbe modificare una parte del regolamento condominiale e fare approvare il cambiamento già nella prossima assemblea.

Il problema è che molti dei condòmini favorevoli alla modifica, di solito non partecipano alle assemblee, quindi vorrei sapere come dovremmo procedere per superare questo problema e fare in modo che la modifica venga approvata nella prossima assemblea:

  1. potremmo prendere l'iniziativa, senza coinvolgere l'amministratore, e scrivere una lettera, spiegando la parte del regolamento che vorremmo modificare, firmata dai condòmini favorevoli (che sono più della metà) e portarla in assemblea senza darne comunicazione anticipata all'amministratore? In questo caso la lettera firmata avrebbe anche valore di delega da parte dei firmatari, oppure la delega, per essere rappresentati in assemblea, va fatta a parte? Avremmo, in questo modo, la possibilità di fare approvare subito in assemblea la modifica?
  2. oppure dovremmo per forza comunicare all'amministratore questa nostra volontà, affinché lui possa scriverlo tra gli argomenti da trattare in assemblea?​

Vi ringrazio per le vostre risposte
 

Franci63

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L’argomento deve essere messo necessariamente all’ordine del giorno, con specificati i punti che si vorrebbero modificare .
I condòmini interessati alle modifiche dovrebbero partecipare, di persona o dando delega, in modo da ottenere il risultato desiderato.
Là lettere al punto 1 non serve, e dovrete comunicare all’amministratore la richiesta di inserire il punto all’ordine del giorno.
Per essere certi che lo inserisca, potreste inviargli raccomandata, con le firme di almeno 2 condòmini, che rappresentino almeno 1/6 dei millesimi, e chiederlo in modo formale.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Il problema è che molti dei condòmini favorevoli alla modifica, di solito non partecipano alle assemblee

Poco da aggiungere a quanto già correttamente espresso da @Franci63 ...ma prima serve che tu spieghi quali sarebbero le modifiche che volete apportare.

Legge e Giurisprudenza distinguono in un regolamento di condominio fra norme contrattuali e norme regolamentari...e per modificare validamente le prime è necessario che tutti i proprietari (1000/1000) votino a favore.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Dott. MM ha scritto sul profilo di gavino.
Carissimo,
Ho letto il Suo ultimo quesito sul forum, molto interessante come spunto di riflessione.
Alto