• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

dadanet

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Buonasera, qualora su richiesta di un condòmino sia stata convocata un'assemblea avente per oggetto una innovazione e qualora il condòmino richiedente non possa più essere presente per motivi personali e chiedesse di cambiare data come converrebbe agire? Procedere ad una nuova convocazione dopo che sia andata già deserta sia in prima che in seconda convocazione? oppure sarebbe possibile variare la data con lo stesso mezzo in cui è avvenuta la precedente convocazione (mezzo raccomandata)?
Grazie a tutti
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Presumo che l'innovazione sia una iniziativa di chi aveva richiesto la convocazione ed evidentemente potrebbe anche essere fondamentale una sua presenza quale unico promotore.
Se le date fissate sono sufficientemente lontane da poter avvisare tutti meglio non perdere e far perdere tempo a tutti e inviare Raccomandata che spiega la
postdatazione della riunione (2 piccioni con 1 fava).

Se i tempi sono "stretti" informa dell'annullamento a mezzo telefono.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Delle "stranezze" di quanto "producono" i nostri organi giudicanti si potrebbero riempire volumi.
Pensa all'ultima del CdS che ha accolto il ricorso dei genitori di un figlio bocciato in "Prima Media" perche aveva tutte insufficenze: può nuocere alla "crescita" del ragazzo ..lo si può bocciare successivamente!!!:shock:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto