• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

achille858

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
salve, abito in condominio all'ultimo piano e vi è un problema sul rifacimento del tetto, anche dopo che il giudice ha stabilito chi deve fare i lavori. In sintesi, questa causa è andata avanti per circa 15 anni e da circa 3 anni è arrivata la sentenza che stabilisce che i lavori sul tetto devono essere fatti dal proprietario dell'area, che adesso non è più residente del condominio.
I lavori non sono mai nemmeno iniziati, lo scorso inverno inoltre dopo una forte pioggia mi è entrata l'acqua in 2 stanze e, nonostante l'ho fatto presente al capo condominio non è cambiato niente. Vorrei capire, visto che la giustizia italiana permette a chi perde una causa di fare come vuole, se il condominio dovrebbe fare i lavori nel tetto e poi rifarsi sul proprietario dell'area. Inoltre, il condominio non ha mai fatto la manutenzione del tetto, come ad esempio la pulizia della canalina dai nidi, che secondo me ha provocato l'infilitrazione...
ringrazio in anticipo della risposta, buona serata
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Ti ho già dato risposta nel sito gemello:)

Riporto:
Se il tetto è condominiale e tu subisci danni ... il Condominio ne diventa responsabile.

Che esista una sentenza che imponeva la riparazione ad altro soggetto (costruttore) non sminuisce la responsabilità, in prima battuta, del Condominio e del suo amministratore.

Tu devi chiedere al Condominio la riparazione...e dopo il Condominio, se ne esistono i presupposti, si rivarrà verso il costruttore o chiunque sia stato condannato alla riparazione.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto