• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ADA

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Gentilissimi,

complimenti per il forum!
In un condominio con 8 unità abitative servite storicamente da un unico contatore dell'acqua, 6 unità abitative hanno attivato ognuno il proprio contatore, con l'accordo di tutti.

Non hanno però mai comunicato la data esatta del distacco e non hanno mai prodotto nessuna documentazione della ditta che ha eseguito i lavori sulla corretta procedura di distacco dal vecchio impianto.
Come fanno i due condòmini rimasti collegati al vecchio impianto a essere sicuri che non ci siano utilizzi fraudolenti da parte degli altri?

Che obblighi prevede la legge, per chi si distacca dall'impianto condominiale?
Grazie in anticipo e buona serata
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
L'impianto di acquedotto non va confuso con quello per il riscaldamento perchè le norme e gli usi sono differenti.

Se il contatore condominiale è a servizio di sole utenze private (niente innafiatura di giardino comune o lavaggio di scale) allora il distacco non necessità di particolari formalità (= non serve un "tecnico").

Quanto alla comunicazione della data del distacco...tutto verte su come e chi gestisce amministrativamente il vostro Condominio (visto che non spieghi la presenza di amministratore).

Gli "utilizzi fraudolenti" vanno dimostrati da chi li teme...quindi consiglio di prendere l'occasione per procedere con l'installazione di contatori personali anche ai 2 rimasti.
 
Ultima modifica:

ADA

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Grazie per la celerità nella risposta...
il contatore è a servizio di sole utenze private.

In realtà il timore di utilizzi fraudolenti non è per chi rimane ma per chi ha deciso di distaccarsi (che lo abbia fatto in maniera corretta e senza arrecare danno all'impianto principale esistente). Dopo il distacco di queste utenze sembra esserci meno pressione che prima nell'impianto.

In effetti non esiste un vero amministratore. Informalmente c'è un condòmino che si occupa di ripartire le spese comuni (poche) e l'ordinaria amministrazione.

Saluti
 

ADA

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Scusate i problemi di bassa pressione continuano...possibile che non ci sia un modo per tutelare noi che siamo rimasti e responsabilizzare chi si è distaccato, magari non in forma corretta? e se viene fuori un consumo anomalo? Possibile che non abbiano nessun obbligo?
Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Devi prima chiamare un tecnico e appurare i motivi...e dopo chiedere conto a chi abbia commesso qualche illecito.

Suona strano che un impianto di acquedotto non fornisca pressione sufficente dopo che alcuni si siano distaccati.
Se c'era pressione prima dopo dovrebbe essere ancora meglio.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto