• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Luca C.

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao a tutti
Ho venduto casa, ed al momento del rogito è stata inserita la clausula per il pagamento delle spese condominiali.
Liberando la casa il 20 febbraio 2022, è stato concordato che avrei dovuto pagare le spese condominiali fino a tale data.

La domanda è semplice (spero):
il conteggio delle spese condominiali a quella data, dovrebbe essere calcolato con le spese del periodo di riferimento (quindi tutte le spese fino al 20 febbraio 2022) e poi ripartito con i criteri dei millesimi?
O viene calcolato sul preventivo di gestione dell'anno interessato, utilizzando quindi un criterio di prezzo medio?

Nel caso non fossi stato chiaro o avessi omesso involontariamente informazioni importanti, rimango a disposizione.
Grazie a chi sarà così gentile da chiarire il mio dubbio.
Saluti
Luca
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Liberando la casa il 20 febbraio 2022, è stato concordato che avrei dovuto pagare le spese condominiali fino a tale data.
Tu paghi quota per tutte le spese ordinarie "maturate" fino al 20 Febbraio 2022 e per maturate s'intende non solo quelle effettivamente pagate entro quella data ma pure quei servizi (es. quota amministratore, energia elettrica parti condominiali, eventuale riscaldamento centralizzato, etc.) di cui non era ancora arrivata bolletta/fattura o non ancora effettuato pagamento.
Andrebbero scomputate quelle spese già pagate in anticipo ma non ancora completamente godute (es. polizza condominiale, ancora compenso amministratore qualora si sia liquidato prima del 20 Febbraio anche il compenso per i periodi successivi).

Mentre per le spese straordinarie sono di tua competenza tutte quelle approvate entro tale data.

Salvo patti diversi.
 

Luca C.

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Tu paghi quota per tutte le spese ordinarie "maturate" fino al 20 Febbraio 2022 e per maturate s'intende non solo quelle effettivamente pagate entro quella data ma pure quei servizi (es. quota amministratore, energia elettrica parti condominiali, eventuale riscaldamento centralizzato, etc.) di cui non era ancora arrivata bolletta/fattura o non ancora effettuato pagamento.
Andrebbero scomputate quelle spese già pagate in anticipo ma non ancora completamente godute (es. polizza condominiale, ancora compenso amministratore qualora si sia liquidato prima del 20 Febbraio anche il compenso per i periodi successivi).

Mentre per le spese straordinarie sono di tua competenza tutte quelle approvate entro tale data.

Salvo patti diversi.
Ciao Dimaraz
grazie della risposta.
Si, io parlo solo di spese ordinarie.
L'anno di competenza va da 1/10/2021 a 31/09/2022.
Le spese "maturate" fino al 20 febbraio, di cui non è ancora arrivata la bolletta/fattura, sono intese anche quelle dei mesi da mazo a settembre?
Essendo aumentati di molto i costi da marzo 2022, io starei effettivamente pagando gli aumenti di qualcosa di cui non godo. E' corretto?
Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista

Luca C.

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Salvo fatturazioni di "letture presunte" le bollette dei consumi fino a Febbraio 2022 arrivano massimo entro Maggio 2022.



I prezzi di Marzo sono nelle bollette successive a Marzo.
Continua a non essermi chiaro se devo conteggiarle... :fiuu:
Cioè, se c'è qualche linea guida che dice di considerarle a prescindere, perchè a rigor di logica non dovrei considerarle...
Grazie
Ciao
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Ovviamente no.
Tu paghi per quello che ti compete, cioè per i consumi fino a febbraio.
Certamente paga per quello che gli compete….: ma non è scontata la conclusione. Se non ricordo male, le bollette ricevute oggi riportano i consumi del bimestre precedente, e includono le spese fisse del bimestre entrante.
Se si vuole tagliare il capello in due , va esaminata nel dettaglio la bolletta
 

ugo chiacchia

Membro Junior
Altro Professionista
Ma se si vuole essere precisi il nuovo acquirente paga si fa dare le ricevute ecc. poi si incontrano e calcolano tra loro quello che ha consumato uno o l'altro senza polemiche oppure, in accordo tra loro, fanno un forfè se ritengono che non ci siano grandi spese.
Ma se si ragiona e come io mi comprassi una ferrari usata e poi sto a guardare chi deve pagare il garage e fino a quale giorno? ma come spendi centinaia di €uro e poi stai a guardare i dieci € un più o in meno?
Senza offesa per nessuno
 

Luca C.

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao
grazie a tutti delle risposte.
E' chiaro che non voglio mettermi a fare il "pidocchio" sui 10€, ma dato che mi hanno fatto un conto tra preconsuntivo ed effettivo con una differenza di 100€ (da 500 a 600€), mi da fastidio.
Perchè, secondo me, vuol dire che la differenza sul dettaglio delle spese sarà molto piu alta.
Comunque chiarito che non c'è una legge che definisce il criterio di ripartizione, ma si possono usare le fatture, un'accordo con l'inquilino lo trovo sicuramente.
Grazie ancora
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera sono la Dott.ssa Angela Rita Di Candia di Manfredonia, due anni fà ho frequentato il corso abilitante per diventare amministratore di condominio, sono iscritta all'associazione ANACI e sono alla ricerca di condòmini da amministrare su Manfredonia.
Ho un'esperienza lavorativa di tre anni. Spero di avere presto riscontro.
Buona serata
Dimaraz ha scritto sul profilo di ciccio.
Le domande devi porle aprendo discussioni e non scrivendole sul tuo profilo.
Alto