• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

IN ATTESA

Membro Junior
Condòmino proprietario
Buonasera, desidererei sapere se chi ha il riscaldamento autonomo, deve contribuire alla spesa, per
l'nstallazione delle valvole, che sostengono i condòmini che usufruiscono del riscaldamento centralizzato.
grazie
 

IN ATTESA

Membro Junior
Condòmino proprietario
Grazie della risposta, ma vorrei precisare che sono diventata termoautonoma pochi mesi dopo aver preso possesso dell'appartamento, le temperature in casa erano da polo :),( abitando all'ultimopiano con un impianto già vetusto e mal funzionante) e quindi sono stata costretta a staccarmi del centralizzato.
 

akalb

Membro Junior
Amministratore di Condominio
il consumo nei singoli appartamenti sarà a carico loro, tu dovrai contribuire solamente alla paercentuale che riguarda le parti comuni. Non devi partecipare nemmeno alla spese ordinarie di gestione della caldaia come per esempio la normale manutenzione e la lettura dei radiatori privati. Dovrai partecipare solo per eventuali spese straordinarie come per esempio la sostituzione della caldaia condominiale
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non devi partecipare nemmeno alla spese ordinarie di gestione della caldaia come per esempio la normale manutenzione

Da dove deriva quanto evidenziato?

Sarebbe "bizzarro" che si partecipi alla spesa per il riscaldamento delle parti comuni...e si sia esenti per la manutenzione ordinaria o qualsivoglia altra spesa di "gestione" della caldaia.

Il distaccato concorre anche alla manutenzione ordinaria come alle spese di adeguamento/messa a norma.
 
Ultima modifica:

tatodak

Nuovo Iscritto
Amministratore di Condominio
Buongiorno, mi inserisco nell' argomento per chiedere: con valvole e contabilizzatori chi procede al calcolo della spesa da attribuire ad ogni singolo condòmino una volta che stata eseguita la "mappatura" di ogni unità immobiliare? Spetta alla ditta che fa le letture provvedere a tutti i calcoli e conseguentemente alla ripartizione della parte volontaria e involontaria opp. all'amministratore? In tal caso non avendo più i vecchi millesimi come ripartirebbe l'involontaria, ossia con quale criterio? Grazie
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
chi procede al calcolo della spesa da attribuire ad ogni singolo condòmino una volta che stata eseguita la "mappatura" di ogni unità immobiliare?
Se si dispone dei dati di mappatura e del SW di lettura dei ripartitori, che presumo siano monitorabili via radio, i conteggi di riparto potrebbe farli anche l'amministratore. Ma solitamente non si prende questo compito; viene quindi spesso demandato alla ditta di termotecnica che ha fatto l'impianto, e disponde degli strumenti di lettura e competenza per valutare eventuali anomalie: purtroppo ha un costo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Dott. MM ha scritto sul profilo di gavino.
Carissimo,
Ho letto il Suo ultimo quesito sul forum, molto interessante come spunto di riflessione.
Alto