• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Ataualpa

Membro Ordinario
Altro Professionista
Buongiorno
sono proprietario di un appartamento locato dal 1994 (con contratto 4 + 4) sempre allo stesso inquilino e non abbiamo mai rinnovato il contratto ne aumentato l'affitto. Visto che la scadenza naturale del contratto avverrà il 01.12.2018 abbiamo deciso di fare un piccolo aumento e di passare ad un contratto di locazione abitativa agevolata con l'opzione della cedolare secca. Vorrei sapere se devo fare qualche cosa per chiudere il vecchio contratto o se è sufficiente presentare quello nuovo e se dovrò far redigere un APE nonostante l'inquilino sia già lì residente da 24 anni. Grazie
 

Ataualpa

Membro Ordinario
Altro Professionista
Probabilmente mi sono espresso male; effettivamente ho intenzione di aspettare la scadenza naturale del contratto e quindi, se ho ben interpretato la tua risposta, non devo preoccuparmi della chiusura ma mi domandavo se è possibile non fare l'APE dato che l'inquilino già risiede nell'immobile da 24 anni?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto