• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

aktar

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Buongiorno sono proprietaria di un negozio con bagno, inserito in un fabbricato con più appartamenti.
Volevo chiedere se le spese relative alla manutenzione di un corsello esterno laterale al palazzo per l'accesso alle cantine, alle quali io non ho accesso, sono anche da me dovute.

Grazie
 

Lucianone

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Ciao @aktar prima di tutto, mi confermi che per corsello intendi ciò che descrive il dizionario?

Stretta e breve corsia tra letto e letto di una camerata, tra banco e banco di un'aula di scuola e sim
che quindi nella fattispecie si tratta di un vialettino piccolo e stretto di accesso alle cantine delle quali tu non ne possiedi nemmeno una?
 

Lucianone

Membro Junior
Amministratore di Condominio
Ok ora è più chiaro.
Prima di tutto occorre verificare che il vialetto in questione non sia citato nel regolamento di condominio come parte comune, nel qual caso è da ritenersi a tutti gli effetti di proprietà di tutti i condòmini in proporzione alla propria quota di comproprietà.

Se il regolamento contrattuale non lo cita, essendo una parta suscettibile di godimento separato potrebbe non essere a carico di tutti i condòmini ma solo di coloro che posseggono una cantina.

C'è da dire che spesso le parti comuni comprendono genericamente muri perimetrali, di contenimento, muretti, ringhiere, scale e quant'altro utile alla costruzione dell'edificio e quindi del condominio.

Personalmente ritengo che la questione meriti un'indagine un po' approfondita a partire dal citato regolamento di condominio, per passare agli atti di proprietà sia di chi come te non ha la cantina, che di chi ce l'ha. Se fosse nominato in questi ultimi come parte a esclusivo uso e servizio delle cantine sarebbe più chiaro addebitarne le spese solo ai proprietari delle cantine.

Io sarei sicuramente per non partecipare alle spese, chiedendo all'amministratore del condominio un'indagine a riguardo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto