• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ivan-c

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Buongiorno a tutti,
sono un condòmino di un condominio formato da due palazzine con totale 8 condòmini, 4 appartamenti al piano terra e 4 appartamenti al primo piano.
In comune vi e' praticamente solo il corsello box che risulta nel piano interrato in mezzo tra le due palazzine.
Il mio amministratore ha redatto le tabelle millesimale, una generale, una specifica tabella per facciate e tetto per ciascuna palazzina in cui tiene conto di tutti i millesimi dei singoli appartamenti(compreso interrato) e una quarta tabelle "Corsello BOX" che tiene conto dei millesimi relativi a tutto il piano interrato.
Questo vuol dire che tiene conto dei BOX, 8 in totale e considera i millesimi anche delle 4 taverne collegate al box presenti per i solo appartamenti al piano terra e dai locali piccoli sottoscala per i 4 appartamenti al primo piano con sottotetto.
Dopodiché sono state calcolate le spese utilizzando questa tabella "corsello box" per calcolare spese di manutenzione cancello elettrico, spese per antincendio.
Cosi' facendo pero' i condòmini con taverna si ritrovano a pagare il doppio rispetto ai condòmini al primo piano.
E' corretta questa suddivisione?
Si consideri che i box di tutti i condòmini sono praticamente uguali e tutti hanno la stessa accessibilità'. Se non fosse una cosa corretta come si deve procedere?
L'amministratore sostiene che il calcolo e' perché l'unita' immobiliare che ha accesso al box e' composta da tutto l'interrato.
E' corretto?
LA mia paura e' che in futuro con spese straordinarie relative al corsello, con valori molto piu' alti si utilizzi la medesima tabella caricando di piu' i condòmini con taverna.

Grazie per i vostri commenti
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Il mio amministratore ha redatto le tabelle millesimale, una generale, una specifica tabella per facciate e tetto per ciascuna palazzina in cui tiene conto di tutti i millesimi dei singoli appartamenti(compreso interrato) e una quarta tabelle "Corsello BOX" che tiene conto dei millesimi relativi a tutto il piano interrato.

Vero che non esiste una "norma univoca"...ma tante tabelle per un Condominio come il vostro mi paiono una assudità.

La quarta è in realtà una "terza" visto che ci sono 2 tabelle per i 2 edifici/blocchi.

Se tutte le unità abitative hanno almeno 1 garage allora non vedo i motivi per determinare una apposita tabella per corsia box visto che la ripartizione delle spese inerenti tale parte comune "a tutti" basta la Tabella Generale.

Risulta pretestuoso il voler "caricare" in maggior misura i proprietari di cantine per il potenziale uso della corsia box come accesso anche alle cantine.
Tale fruibilità era già inclusa nella proprietà dei box auto.

Chiarisci i seguenti punti:

1-Le tabelle sono state redatte dall'amministratore perchè ha specifiche competenze in materia, e come tale incaricato, oppure su sua libera iniziativa?

3-E' stato addebitato un onere per la "compilazione"?

2-Dette tabelle sono state discusse e/o approvate in assemblea?
 

ivan-c

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Ti ringrazio molto per la risposta,
l'amministratore si e' proposto per calcolare le tabelle, le ha presentate durante la prima riunione in cui abbiamo votato anche la sua nomina ma senza entrare nel dettaglio.
Ovviamente e' stato chiesto un onere al condominio, fino a quel momento si divideva per 8. (ma erano proprio obbligatorie le tabelle?? se non erro lo diventano dopo 10 condòmini..)
Nella stessa riunione a chiesto che venissero approvate e 6 condòmini su 8 le hanno approvate senza un minimo di analisi fidandosi dell'amministratore. Io e un altro condòmino ci siamo astenuti sostenendo che per un approvazione bisognerebbe anche verificarle.
Come mi dovrei comportare? ho chiesto delucidazioni all'amministratore per capire come aveva interpretato la norma ma mi ha solo risposto che sono state redatte seguendo il codice civile. Ovvero, non ha risposto...
Come mi devo comportare?
posso impugnare la decisione? e in che modo?

un altra domanda, visto che abbiamo pagato le tabelle, posso chiedere anche che mi vengano dati i calcoli con i coefficienti considerati? ora mi viene anche il dubbio che anche questi siano errati..

Grazie mille!
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Riguardo al "costo"...visto che 6 su 8 le hanno approvate nulla si potrà contestare.
La "ratifica" ha di fatto sanato qualsiasi irregolarità procedurale.

Le tabelle non sono mai obbligatorie (la Legge non lo prevede)...ma sono certamente necessarie per una ripartizione "secondo norma" dei costi comuni.

Nessun obbligo nemmeno di consegnare i "calcoli" ma solo il risultato...anche perchè non esiste un "criterio di Legge" per la determinazione (= se dai incarico a 10 professionisti facile che ti trovi con tabelle diverse.. anche con differenze clamorose).

Al limite potevate anche convenire di dividere tutte le spese in parti uguali ...purchè tutti e 8 foste concordi e firmaste patto in tal senso.

Tu, e l'altro astenuto, potete contestare le tabelle in 2 modi:

1-impugnando la delibera di approvazione (entro 30 gg dalla data dell'assemblea)

2-trascorso il termine solo se è possibile dimostrare un errore nei conteggi (non nel criterio).

Ovviamente una "maggioranza" potrebbe sempre decidere di dare incarico per una nuova formulazione ad un altro tecnico.
 

ivan-c

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Siamo ancora nei tempi per impugnare la Delibera..

Trovo nel forum come fare?


Grazie mille!
 

ivan-c

Nuovo Iscritto
Inquilino / Conduttore
Ti ringrazio per il tuo supporto.
Ultima info: con l'accordo di tutti i condòmini e' possibile rettificare questa divisione di spese nella prossima riunione o in ogni caso devo contestare la delibera?

Vorrei provare a gestire la cosa internamente senza vie legali se possibile! siamo sempre andati d'accordo e siamo in 8!!
Buona serata
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Per rettificare le tabelle non serve l'unanimità ma basta una maggioranza (50%+1 dei votanti con almeno 500 millesimi).
Ovvio che se tutti sono concordi si talgia la testa al toro che ci sia un contrario che constesti e impugni.

La via "internos" è sempre la preferibile.
Avvocati e Giudici costano e non sempre si capita nelle mani giuste al primo colpo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Alto