• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pina

Membro Junior
Condòmino proprietario
Nel mio condominio stiamo facendo lavori pavimentazione terrazza dovuti a infiltrazioni di acqua. Il capo condòmino nella ripartizione delle spese ha inserito un 3% a suo favore dicendo che ,per legge, gli spettano.Premesso che in sede di assemblea per l'approvazione del preventivo non si è parlato di questo importo ed io ho letto che tale importo deve essere approvato dall'assemblea altrimenti non è dovuto. Inoltre è stato calcolato sia sull'importo del preventivo sia sull'importo del computo metrico relativo a tali lavori. Vorrei sapere se è un importo che dobbiamo versare ed eventualmente se il conteggio è corretto( importo lavori +importo computo metrico) . Grazie Pina
 

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Buongiorno,
non esiste alcuna legge sulla percentuale dei lavori straordinari da eseguire.
Le consiglio di visionare accuratamente la proposta in cui è stato nominato il vostro amministratore dall'assemblea il documento è stato vidimato dal presidente e segretario troverà in dettaglio le sue competenze compreso i lavori.
In caso che non ha specificato la percentuale dei lavori nulla gli è dovuto salvo che l'assemblea non gli riconosca un compenso.
 

iromei

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Grazie.
Lui applica il 3% sul totale fatt (imponibile +IVA) a questo risultato applica il 5% per rivalsa cassa geometri e alla somma di ciò applica IVA 22%.
È possibile chiedere il rimborso, per errato conteggio fatture, di due anni fa?
Buona giornata
P. S. Parliamo di importi abbastanza elevati circa 48.000euro di fatture ivate.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Temo che chiedere il rimborso sia più complicata.

In linea di principio non è concesso caricare IVA su IVA (si tornerebbe al criterio della vecchissima IGE)... ma non credo che sia stato tanto sciocco da far figurare la cosa.
Tutto è funzione di cosa è stato precisato e cosa abbiate approvato.

A rigor di norma, voi approvando un compenso X (calcolato in modo discutibile ma non evidenziato) +IVA (di nuovo) e ratificandolo approvando il Bilancio avete accettato quell'importo.

Difficile dire cosa sentenzierebbe un Giudice... al vostro posto farei pressioni minacciando una citazione in causa e una revoca del mandato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto