• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

olynut

Membro Junior
Condòmino proprietario
Buongiorno,
nel regolamento contrattuale è stabilito che non si possano tenere animali negli appartamenti. Questa regola è stata sempre disattesa, in quanto, da almeno 15 anni sono stati accettati. Adesso sta succedendo che troviamo escrementi di animali nelle parti comuni e qualcuno vorrebbe chiedere all'amministratore di far rispettare la regola. È possibile farlo dopo che per tanti anni non è stata rispettata? Si potrebbe, in alternativa, chiedere di tenere gli animali in casa e farli uscire solo se in presenza dei proprietari? Grazie.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Integro la risposta data in altra sede.

La norma Condominiale che vieta la detenzione di animali da compagniia è resa "nulla" dalla legge del 2012.

Secondo alcuni si può ri-applicare solo con nuova delibera unanime (1000/1000).

L'amministratore potrà comunque solo invitare al rispetto non disponendo di strumenti coercitivi.
 

olynut

Membro Junior
Condòmino proprietario
Integro la risposta data in altra sede.

La norma Condominiale che vieta la detenzione di animali da compagniia è resa "nulla" dalla legge del 2012.

Secondo alcuni si può ri-applicare solo con nuova delibera unanime (1000/1000).

L'amministratore potrà comunque solo invitare al rispetto non disponendo di strumenti coercitivi.
Grazie. C'è comunque l'obbligo di tenere gli animali al guinzaglio, non liberi di circolare da soli nelle parti comuni, quindi impedendo anche che possano sporcare in giro per il condominio. E questo credo debba essere il punto su cui discutere.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
uindi impedendo anche che possano sporcare in giro per il condominio

Questo in particolare è imprescindibile...chi sporca pulisce (come nelle pubbliche vie).
Il problema è che spesso tanti sono incivili.
Se vi è un solo condòmino che detiene animali è facile capire il "colpevole" e qualora non provveda addebitargli direttamente i costi per l'impresa di pulizia.

Ma se sono più d'uno vi toccherà munirvi di un sistema di sorveglianza visto che è impensabile l'amministratore possa fungere da sceriffo sempre presente.
 

olynut

Membro Junior
Condòmino proprietario
Questo in particolare è imprescindibile...chi sporca pulisce (come nelle pubbliche vie).
Il problema è che spesso tanti sono incivili.
Se vi è un solo condòmino che detiene animali è facile capire il "colpevole" e qualora non provveda addebitargli direttamente i costi per l'impresa di pulizia.

Ma se sono più d'uno vi toccherà munirvi di un sistema di sorveglianza visto che è impensabile l'amministratore possa fungere da sceriffo sempre presente.
I gatti sono due: uno è nel condominio da tantissimi anni e non esce di casa, l'altro è appena arrivato, esce e, in concomitanza, abbiamo cominciato a trovare gli escrementi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto