• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

olynut

Membro Junior
Condòmino proprietario
Buongiorno,
il nostro regolamento contrattuale specifica:
"Si obbliga ogni proprietario ad adibire le singole porzioni dell'edificio, dal 1°al 4° piano, ad uso specifico di abitazione o di ufficio tecnico, commerciale, professionale od altre destinazioni simili [...];
Le porzioni dell'edificio site al piano terra, potranno essere destinate a negozi, magazzini, depositi, laboratori artigianali, ad uffici anche pubblici, filiali di banche, ambulatori ecc.".
Secondo queste specificazioni, è possibile adibire anche le porzioni al piano terra ad abitazione, cambiando, quindi, la destinazione d'uso, o è escluso dal regolamento?
Faccio presente che le unità immobiliari al piano terra, non potevano essere adibite ad appartamenti, in quanto l'altezza delle pareti è di mt. 2,70, mentre quando è stato costruito il palazzo, l'altezza minima per l'abitabilità era di mt. 3; inoltre, tali unità non sono dotate di impianto del gas, proprio perché non era prevista la cucina.
Un ulteriore dubbio da parte di tutti i condòmini, deriva dal fatto che le portefinestre di una delle due unità, affacciano su un terrazzo condominiale, collegato al giardino, sempre condominiale, che diventerebbe di prevalente uso dell'abitazione, ovviamente.
Il regolamento prevede anche che: "In ogni caso non saranno consentite all'interno delle singole unità immobiliari opere che alterino comunque la stabilità dell'edificio o modifichino in qualunque modo l'andamento delle condutture di calore e del fumo, le condutture di scarico, le colonne principali dell'acqua potabile ecc. o possono comunque riuscire di pregiudizio agli altri condòmini".
In base a quest'altro punto, è possibile modificare l'impianto del gas per creare una cucina che non era prevista, e che quindi avrà bisogno anche di scarichi?
Preciso che già diversi anni fa è stato creato un appartamento al posto di un ufficio, al piano terra, e questo ha già provocato problemi alla pressione dell'acqua che arriva all'ultimo piano. Purtroppo, all'epoca, nessuno si è preoccupato di verificare che il cambio di destinazione d'uso fosse consentito.
Grazie per le eventuali risposte.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Per come riferisci sia scritto il Regolamento indica i possibili usi "alternativi" rispetto a quelli "abitativi'...quindi facoltà che le "unità" di certi piani possano ospitare uffici e negozi od abitazioni.

Un Regolamento di Condominio precisa delle regole che valgono per i rapporti fra i proprietari ma non può superare le norme ed i regolamenti pubblici in tema di destinazione d'uso.
Tradotto: se i locali attualmente definiti "commerciali" si vogliono trasformare in "residenziali" si dovrà ottenere il permesso dagli organi competenti dando incarico ad un tecnico.
Questo dovrà valutare la possibilità di interventi per adeguarsi alle norme e che non si arrechi danno alle parti comuni o private altrui inclusa la funzionalità dei vari impianti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto