• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Annare'

Membro Junior
Inquilino / Conduttore
Ho ancora bisogno del vostro aiuto per chiarire due quesiti. Si tratta sempre di dare il via ad un eventuale cappotto sul nostro condominio. Siamo 9 proprietari con 10 unita' immobiliari (uno ha due immobili). So che in assemblea, per deliberare, sono sufficienti 1/3 dei millesimi di proprieta' ma non mi e' chiara la maggioranza + 1 delle teste presenti o per delega. Perche' nel nostro caso sono sufficienti 2 proprietari, propensi a fare il lavoro, per raggiungere gia' i 333 millesimi. Se tutti gli altri o comunque la meta' + 1 dei presenti o rappresentati votassero per il no cosa succederebbe?
L'altro quesito riguarda i massimali del superbonus 110. Le cantine e i garage, accatastati singolarmente, che si trovano al piano interrato del condominio concorrono alla moltiplicazione dei massimali?
Esempio del nostro caso: unita' immobliliari 10 + 5 pertinenze. Il calcolo sarebbe 8 x 40.000,00 Euro + 7 x 30.000,00 per un totale di 530.000,00 Euro. E' corretto?
Grazie per le vostre risposte, in primis a Dimaraz che ha sempre risposto anche alle altre mie domande.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
So che in assemblea, per deliberare, sono sufficienti 1/3 dei millesimi di proprieta' ma
...ma forse non hai compreso che nessuna delibera è valida se i numeri di chi è contrario sono superiori.

Se siete 9 proprietari e tutti partecipano all'assemblea serve che votino a favore almeno la metà + 1 dei votanti (quindi 5) e che rappresentino almeno 500 millesimi.

Mai farei partire lavori straordinari con una maggioranza di soli 334 millesimi ...salvo sia un Condominio di "lavativi" ma che poi accettano e pagano senza remore.

Nel caso di lavori straordinari ed "invasivi" alzerei l'asticella alla unanimità.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Grazie, infatti non lo avevo capito.
Per la seconda domanda non mi puoi rispondere?

In linea di principio il calcolo è esatto... ma esistono variabili e "trabocchetti" per i quali solo l'esame specifico in loco acquita validità...e se avete incaricato un professionista appropriato dovrebbe rispondervi meglio.

Quanto serva un massimale di spesa di tale importo per un cappotto su 2 facciate ...direi eccessivo.

Qualche dubbio me lo porrei sul raggiungimento del salto di 2 classi con il solo "cappotto".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto