• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cordiale

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao a tutti, una domanda.
L'amministratore può delegare un suo collaboratore a presenziare all'assemblea dei condòmini e a condurre l'assemblea al posto dell'amministratore?

Se si, deve farlo con una delega scritta o ne deve rendere conto all'assemblea in qualche modo?
L'assemblea può richiedere la presenza dell'amministratore in carne ed ossa, o deve starsene di quanto dispone l'amministratore in merito alla sua presenza in assemblea?

Grazie in anticipo!
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Premesso che non vi è alcun obbligo per l'amministratore ad essere presente in assemblea, e che nemmeno gli compete dirigerla (compito del Presidente) egli può anche nominare un sostituto anche senza delega qualora si sia dato mandato ad una società.
Se la cosa vi "disturba" non avete che da richiedere tassativamente la sua presenza ...o revocarlo al primo rinnovo.
 

cordiale

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
A dirigere l'assemblea no, ma a relazionare su argomenti di una certa delicatezza credo che dovrebbe essere lui...
Faremo come dici... naturalmente se capita una volta perchè l'amministratore ha un problema fa niente, ci mancherebbe, può capitare a chiunque lavori... ma se diventa un "metodo" allora francamente non mi sta bene...
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
L'amministratore non ha obbligo di presenziare: e se non vi soddisfano le risposte dell'incaricato, potete sempre richiedere un chiarimento direttamente all'amministratore.
Nella fattispecie, noi abbiamo un caso simile: ma forse meglio gestito dall'amministratore.

Il suo ufficio è gestito da un certo numero di collaboratori, alcuni con "attestato" come amministratori.
Alla prima assemblea, ci è stata proposta la accettazione come riferimento ed incaricato assegnato al nostro condominio, una sua collaboratrice regolarmente dotata di attestato formativo: ferma restando la responsabilità finale del titolare dello Studio di Amministrazione, noi non abbiamo avuto nulla in contrario.
Per inciso mi sembra anche più brava della titolare.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto