• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

iromei

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Quest anno, alla presentazione del consuntivo, che avverrà tra tre mesi dalla chiusura del bilancio (31/08/17), l'amministratore non verrà rieletto.
Mi chiedevo: ma per questi tre mesi il vecchio amministratore deve essere pagato in base al ultimo compenso o al nuovo come da preventivo presentato ma mai ne discusso ne tanto meno approvato?
Grazie e saluti (mai un amministratore limpido!)
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Non hai spiegato una cosa fondamentale: posto che il mandato dura 1 anno...la scadenza del mandatario in pectore coincide con il giorno in cui discuterete bilancio e nuova nomina?
Se così fosse nulla è dovuto all'amministratore.
Se invece i 12 mesi dalla nomina o ultima riconferma sono già scaduti...si distinguono 2 casi:
-il mandato scade poco prima o dopo l'assemblea di bilancio-nuova nomina o l'amministratore, con contratto scaduto, non ha preventivamente mandato convocazione per riconferma o nuova nomina: sua pecca e nulla gli dovete.
-il mandato è scaduto da tempo ma l'assemblea appositamente convocata non ha prodotto maggioranza valida, oppure scadenza futura ma con un nulla di fatto (nessuna nuova nomina valida) che si protrarrà nel tempo...allora avrà diritto al medesimo compenso salvo siano approvati aumenti.
 

iromei

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Grazie. Noi di solito l'amministratore lo confermiamo subito dopo la discussione del consuntivo che solitamente avviene dopo tre mesi circa dalla chiusura dell'esercizio.
Nel nostro caso chiusura esercizio 31/08/2017 discussione del consuntivo primi giorni di dicembre 2017.
 

iromei

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Grazie.
Per il passaggio delle consegne al nuovo amministratore è previsto un compenso?
Noi non abbiamo mai avuto comunicazioni di cosa è compreso nella tariffa base e, cosa non lo è.
Saluti e buona giornata a tutti.
 

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Quest anno, alla presentazione del consuntivo, che avverrà tra tre mesi dalla chiusura del bilancio (31/08/17), l'amministratore non verrà rieletto.
Mi chiedevo: ma per questi tre mesi il vecchio amministratore deve essere pagato in base al ultimo compenso o al nuovo come da preventivo presentato ma mai ne discusso ne tanto meno approvato?
Grazie e saluti (mai un amministratore limpido!)

Buongiorno, certo che deve essere pagato con il suo compenso, per il passaggio di consegne non deve essere pagato se non vi è trascritto nulla in merito nella proposta che aveta accettato quando fu nominato, in caso chè c'è trascritto occorer pagare il passaggio di consegne.
 

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Non hai spiegato una cosa fondamentale: posto che il mandato dura 1 anno...la scadenza del mandatario in pectore coincide con il giorno in cui discuterete bilancio e nuova nomina?
Se così fosse nulla è dovuto all'amministratore.
Se invece i 12 mesi dalla nomina o ultima riconferma sono già scaduti...si distinguono 2 casi:
-il mandato scade poco prima o dopo l'assemblea di bilancio-nuova nomina o l'amministratore, con contratto scaduto, non ha preventivamente mandato convocazione per riconferma o nuova nomina: sua pecca e nulla gli dovete.
-il mandato è scaduto da tempo ma l'assemblea appositamente convocata non ha prodotto maggioranza valida, oppure scadenza futura ma con un nulla di fatto (nessuna nuova nomina valida) che si protrarrà nel tempo...allora avrà diritto al medesimo compenso salvo siano approvati aumenti.

Anche se il mandato era scaduto l'amministratore è rimasto comunque in questi mesi con l'istituto del prorogatio, deve essere pagato.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Anche se il mandato era scaduto l'amministratore è rimasto comunque in questi mesi con l'istituto del prorogatio, deve essere pagato.

Benvenuta...ma ti consiglio di rileggere attentamente tutti i post a partire dall'inizio ...prima di indicare errori inesistenti.

Per la cronaca se il mnadato è scaduto è compito dell'amministratore convocare l'assemblea per il rinnovo o una nuova nomina.

Se il "furbone" conta di aver diritto al compenso solo pechè tergiversa sui suoi compiti...se lo sogna.
 
Ultima modifica:

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Benvenuta...ma ti consiglio di rileggere attentamente tutti i post a partire dall'inizio ...prima di indicare errori inesistenti.

Per la cronaca se il mandato è scaduto è compito dell'amministratore convocare l'assemblea per il rinnovo o una nuova nomina.

Se il "furbone" conta di aver diritto al compenso solo pechè tergiversa sui suoi compiti...se lo sogna.
.



Buonasera,
il mandato dura 1 anno e si rinnova tacitamente, Il Tribunale di Milano e di Cassino si è pronunciato in tal senso.
L’amministratore dura in carica due anni salvo disdetta dell’assemblea.
Tribunale di Milano (ordinanza del 7 ottobre 2015, firmata dal presidente della XIII Sezione, Marco Manunta ).

Tribunale di Cassino 21 gennaio 2016, decreto n. 1186.
L’articolo 1129 comma 10 del Codice Civile, prevede espressamente che l’incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata. Ne consegue che alla scadenza dell’anno in cui è stata effettuata la nomina, l’assemblea non deve essere chiamata a decidere se rinnovare o meno l’incarico all’amministratore, salva sempre la facoltà per la medesima di deliberarne la revoca.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
1- la sentenza di un Tribunale di 1" grado non è Legge. Occorre una sentenza di Cassazione a Sezioni Unite perche si abbia quantomeno una valenza "nomofilattica".
2-l'interpretazione di quell'articolo è controversa e dibattuta.
Personalmente ritengo le sentenze (sono 3) errate e in contrasto con il combinato di altri articoli.

Ammesso e non concesso che tali sentenze abbiano una valenza, resta il fatto che nel caso specifico sia precisato "è consuetudine procedere al rinnovo in coincidenza della votazione del Bilancio Consuntivo".
Se ne deduce che non sia il primo mandato e in tal caso la tua obiezione non è ammissibile.
 
Ultima modifica:

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
1- la sentenza di un Tribunale di 1" grado non è Legge. Occorre una sentenza di Cassazione a Sezioni Unite perche si abbia quantomeno una valenza "nomofilattica".
2-l'interpretazione di quell'articolo è controversa e dibattuta.
Personalmente ritengo le sentenze (sono 3) errate e in contrasto con il combinato di altri articoli.

Ammesso e non concesso che tali sentenze abbiano una valenza, resta il fatto che nel caso specifico sia precisato "è consuetudine procedere al rinnovo in coincidenza della votazione del Bilancio Consuntivo".
Se ne deduce che non sia il primo mandato e in tal caso la tua obiezione non è ammissibile.

Ecco sosa cita l'art.1129 Cod. Civ.
L'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Appunto s'intende rinnovato non significa che dura 2 anni...ma che SE si rinnova l'incarico saranno altri 365 giorni dopo il primo anno.
Forse non sei al corrente della "genesi" della riforma del 2012....in prima stesura (la Legge come al solito è rimbalzata fra i 2 rami del Parlamento) il testo indicava : il mandato ha durata di 2 anni.

Tal cosa è ststa poi cambiata col testo che hai riportato.

Perché il legislatore avrebbe cambiato formulazione ?
 

studio Bellaiuto

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Appunto s'intende rinnovato non significa che dura 2 anni...ma che SE si rinnova l'incarico saranno altri 365 giorni dopo il primo anno.
Forse non sei al corrente della "genesi" della riforma del 2012....in prima stesura (la Legge come al solito è rimbalzata fra i 2 rami del Parlamento) il testo indicava : il mandato ha durata di 2 anni.

Tal cosa è ststa poi cambiata col testo che hai riportato.

Perché il legislatore avrebbe cambiato formulazione ?

Se allo scadere del mandato i condòmini non comunicano all'amministratore di porre all'ordine del giorno la conferma il mandato di rinnova.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Se allo scadere del mandato i condòmini non comunicano all'amministratore di porre all'ordine del giorno la conferma il mandato di rinnova.

Citami l'articolo di Legge dove è scritta tale modalità.

Spiega come conciliare un rinnovo automatico con:

a) il comma 2 dell.Art. 1129 del Codice Civile ove si evince che:
Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta

b)il comma 1 dell'Art. 1135 che riporta:
Oltre quanto è stabilito dagli articoli precedenti, l''assemblea provvede:
1) alla conferma dell'amministratore e all'eventuale sua retribuzione;

Ora sono occupato...poi al caso ti fornisco ulteriori spunti.

Ps.
@iromei
Se il tuo mandatario esige compensi per il passaggio di consegne (e come detto salvo vostra accettazione) sottoponi questo passo dell' Art. 1129 comma 7

Alla cessazione dell'incarico l'amministratore è tenuto alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso afferente al condominio e ai singoli condòmini e ad eseguire le attività urgenti al fine di evitare pregiudizi agli interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Dott. MM ha scritto sul profilo di gavino.
Carissimo,
Ho letto il Suo ultimo quesito sul forum, molto interessante come spunto di riflessione.
Alto