• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

angelica59

Membro Junior
Condòmino proprietario
Nel condominio dove abito sono stati deliberati i lavori di rifacimento delle facciate e del tetto: le quote da versare da parte dei singoli condòmini sono piuttosto importanti. Come posso cautelarmi da un eventuale fallimento della ditta a cui è stato affidato l'appalto dei lavori? Non vorrei dover sborsare nuovamente somme piuttosto cospicue! Grazie a chi mi risponderà.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Le quote di spesa per lavori straordinari vanno versate anticipatamente e devono confluire in apposito "fondo".
La ditta si paga per "stato di avanzamento" dei lavori...e non in anticipo (fatto escluso eventuale acconto a garanzia).

Negli appalti pubblici si conviene spesso che è la ditta a dover versare "garanzia" o polizza fidejussoria.
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Un appalto tra un condominio e una ditta si può considerare pubblico? I

No...lo avevo scritto solo per far capire come in certi casi ad una impresa vada anche peggio...quindi non esiste obbligo di pagare (da parte del Condominio) prima che il lavoro sia eseguito...anzi, su cose rilevanti sarà il tecnico responsabile a dover prima verificare la corretta esecuzione.

Tu, come singolo condòmino, non hai alcun modo di farti "garantire".
Deve essere l'amministratore e/o il direttore lavori a gestire con l'oculatezza del buon padre di famiglia.
Altrimenti ne rispondono
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
-I condòmini versano le quote all'amministratore
- L'amministratore paga acconti a fronte di fatture ed avanzamento lavori.

Il problema in caso di fallimento del l'impresa, sorgerebbe solo in caso di rivalsa per lavori che si rivelassero mal eseguiti: per questo per lavori importanti il condominio chiede una fideiussione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto