• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gigi

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Salve, nel 2017 e' stato deciso in assemblea di installare i contatori acqua in ogni unita' abitativa, a distanza di
4 anni alcuni condòmini non lo hanno ancora installato, cio' determina enormi squilibri di spese acqua a vantaggio di chi non ha provveduto che continuando a pagare a persona paga di meno.
Malgrado i vari solleciti rivolti l'amministratore continua a dire che lui non puo' imporre ai condòmini di installare i contatori. Grazie
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Perché avete errato la gestione del problema fin dal principio e continuate a farlo.
Premesso che una suddivisione per "abitante" è irregolare (in Condominio la Legge prevede, in assenza di contatori, riparti per millesimi di proprietà):

1) Il montaggio dei sottocontatori doveva essere fatto dal Condominio e non lasciato al singolo.

2)Ora a chi ha i sottocontatori spetta di pagare secondo i mc. consumati...quanto rimane verrà imputato/ripartito a chi non li ha installati.

Amministratore incompetente.
 

Studio Verlicchi

Membro Ordinario
Amministratore di Condominio
Buon giorno.
Se ho capito bene, l'acqua è condominiale quindi c'è un contatore generale e la suddivisione della spesa avveniva in base alle persone presenti in ogni abitazione (metodo di ripartizione non proprio corretto).
Avete poi deciso (nel 2017) di installare dei contatori divisionali in ciascuna abitazione, ma alcuni condòmini non si sono ancora adeguati.
La cosa migliore sarebbe stata quella di eseguire l'installazione dei divisionali direttamente dal condominio così tutti avrebbero avuto il proprio contatore immediatamente e nello stesso momento, ma visto che si è lasciato il tutto "al buon cuore" di ciascun condòmino, ora vi ritrovate in una situazione ibrida.
A questo punto, nei panni dell'amministratore, vedrei due possibili soluzioni:
1) continuo a ripartire la spesa con lo stesso criterio utilizzato prima dell'installazione dei divisionali;
2) addebito i mc. registrati dai divisionali a chi ha già il contatore e la differenza fra i mc. registrati dal contatore generale e la somma dei mc. di ciascun divisionale, la vado a suddividere in base al vecchio criterio di ripartizione a coloro che ancora non ce l'hanno.

PS: per Dimaraz: mi ha bruciato sul tempo. Mentre scrivevo questa risposta.....
Lieto di essere dello stesso parere.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Io invece noterei diversi punti che non tornano.
e' stato deciso in assemblea di installare i contatori acqua in ogni unita' abitativa,
Che una assemblea deliberi suppongo a maggioranza, cosa fare all'interno delle singole unità immobiliare è assurdo: che poi l'amministratore risponda che non può fare nulla, mi sembra una logica conseguenza.
alcuni condòmini non lo hanno ancora installato, cio' determina enormi squilibri di spese acqua a vantaggio di chi non ha provveduto che continuando a pagare a persona paga di meno.
Mi piacerebbe capire da cosa conseguono questi enormi squilibri: salvo appunto la dabbenaggine dell'amministratore. In una situazione mista l'unico criterio ragionevole di ripartizione della spesa acqua è quello riferito sopra: scalati i mc contabilizzati dai contatori divisionali, il resto se lo pagano quelli senza contatori, pro capite.
 

Grey owl

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Difficilmente i consumi rilevati corrispondano ai consumi fatturati dal fornitore anche in presenza di unità immobiliari tutte fornite di sottocontatori. Un singolo condòmino, tramite giudice, può imporre l'istallazione dei sottocontatori.
 

bastimento

Membro Ordinario
Condòmino proprietario
Intanto bisogna trovare il giudice che a fronte di spiegazioni tecniche sulle eventuali difficoltà e costi per installare sottocontatori, non tenga conto dell’orientamento della maggioranza e dia ragione al singolo
 

Grey owl

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Occorre chiarire alcune questioni si che certi interventi non falsino il rispetto delle norme.

Difficilmente i consumi rilevati corrispondano ai consumi fatturati dal fornitore anche in presenza di unità immobiliari tutte fornite di sottocontatori.
Trascurando le minime differenze di misurazione di contatori "certificati" (le tolleranze sono risibili) giocoforza la somma dei sottocontatori difficilmente replica il consumo del contatore generale fondamentalmente per 3 motivi:
1-eventuali prelievi per usi "comuni" (esempio irrigazione giardino condominiale o pulizia parti comuni da rubinetto in area comune
2-dispersioni/perdite
3-pressochè inevitabile coincidenza temporale nella rilevazione dei consumi

Il 3° punto non inficia la equa ripartizione perchè basta adottare un criterio proporzionale basato sui totali (matematica elementare) e le succesive rilevazioni/ripartizioni ripianeranno le differenze.

Un singolo condòmino, tramite giudice, può imporre l'istallazione dei sottocontatori.
Nel link trovi la legge e la sentenza di cassazione.
Sentenza che è nel solco delle precedenti...ma che viene travisata dall'articolista di turno con l'aggiunta di titoli e passaggi fuorvianti:
1- Un Giudice può legittimare o annullare una delibera e può pure imporre che un singolo ricorrente abbia riconosciuto il suo diritto ad un addebito calcolato su consumi "misurati" con un (sotto)contatore.
2- Nessun Tribunale può imporre l'adozione di contatori per tutto il Condominio. In quella sentenza era il singolo "bastian contrario" a voler contestare l'adozione dei sottocontatori...delibera perfettamente legittima.


Io invece noterei diversi punti che non tornano.
Un classico...

Che una assemblea deliberi suppongo a maggioranza, cosa fare all'interno delle singole unità immobiliare è assurdo:
Premesso che nello specifico non è stato chiarito dove sarebbero stati installati i sotto-contatori è persino banale dire che chi non permette l'accesso alle parti private (qualora non vi siano alternative al montaggio dei sottocontatori che solitamente sono posizionati nel primo punto di diramazione verso le singole unità) verrà addebitato di quanto rimane di costo detratto dal totale le quote di quanti hanno i sottocontatori.
 

Grey owl

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
È normale che i sottocontatori devono essere istallati in posti idonei.

""alcuni condòmini non lo hanno ancora installato, cio' determina enormi squilibri di spese acqua a vantaggio di chi non ha provveduto"

Se alcuni l'hanno già istallato verosimilmente non dovrebbero esserci difficoltà a completare
l'opera.

Concordo con la posizione assunta dall'amministratore riguardo a una questione privata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto