• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pietrost

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buonasera, abbiamo ricevuto il rendiconto dei costi di riscaldamento dell'esercizio 1/4/2017 - 31/03/2018. Il condominio ha installato le valvole , come da legge in vigore, prima dell'accensione dello scorso autunno. Nel rendiconto risultano costi per consumo volontario(ciò che si è realmente consumato, come riportato dalle valvole) e quote di consumo involontario. Ma una volta installate le valvole a regime, non si dovrebbe pagare solo il consumo effettivo? e per chi è staccato dal riscaldamento centralizzato, ed ha anche prodotto una perizia in cui si accerta che non ci sono dispersioni di calore (3 appartamenti staccati su un totale di 28), si deve continuare a pagare tale importo di consumo involontario?
Grazie per una risposta e per eventuali riferimenti di legge
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
No.
Il costo è stato ripartito a norma di Legge: quota "volontaria" come da lettura contatori e quota "involontaria" (solitamente il 30/40% del complessivo) per inefficenze, dispersioni o aree comuni.
Chi si era distaccato paga le quote "involontarie" salvo fosse stato dispensato da voto all'.unanimità.
 
Ultima modifica:

queenann

Membro Junior
Condòmino proprietario
Per consumo involontario si intende il costo del riscaldamento dell'acqua dalla caldaia al termosifone, vale a dire il "trasporto" dell'acqua e la conseguente dispersione.
Le valvole misurano solo il consumo per mantenere la temperatura interna all'abitazione.
Per questo motivo i piani alti e i piani bassi pagano un forte consumo involontario tanto che la legge ha previsto, per casi eclatanti, la "perequazione" cioè un abbassamento, di solito stabilito dai tecnici, della quota fissa.
Un esempio: per mantenere la temperatura al terzo piano costa 100, per mantenere la stessa temperatura al quinto o al primo il costo è 140 perchè l'acqua "cammina" di più nei tubi e il calore si disperde.
Si è obiettato che se al quinto piano non si accendono i termosifoni, non si "chiama" l'acqua. Ma poichè l'acqua calda comunque deve arrivare al quinto piano il costo comunque c'è. Pertanto la quota fissa va comunque e sempre pagata dall'utente dell'impianto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Che la vita è breve e non serve arrabbiarsi che lo facciano gli altri
Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
Alto