• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Corretto

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao a tutti, domanda credo semplice... per quanto riguarda le chiavi che danno l'accesso ai locali condominiali comuni, chi è che ha il diritto di averle a disposizione, chi decide ecc?

Chiedo questo perchè da noi per esempio, il nostro amministratore è anche condòmino e di fatto è l'unico nel palazzo ad avere le chiavi per accedere a locali, caldaia, depositi, intercapedini ecc.
Ma se uno dei condòmini volesse le stesse chiavi? Può chiederne una copia? Ci vuole il permesso dell'assemblea?

Insomma com'è regolata questa cosa?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Insomma com'è regolata questa cosa?

Deve essere l'asemblea a stabilire le norme regolatrici nell'uso delle aprti comuni.
Premesso che per certe aree potrebbero sussistere delle specifiche Leggi dello Stato che pongono limiti sulle facoltà di accesso (esempio per questioni di sicurezza su locali Caldaia, quando oltre una certa potenza, o locale macchine ascensore)... è l'assemblea che fissa eventuali limiti e designa chi possa detenere eventuali chiavi.

Più che ovvio che se esistono "particolari" responsabilità ...chi le sopporta possa pretendere di gestire certe zone.
 

Corretto

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ciao Dimaraz, grazie della risposta. Ma ok per l'uso dei locali che dev'essere in mano all'assemblea, ma l'accesso? E se l'uso prevedesse l'accesso libero da parte di chi dei condòmini vuole usarlo? Non so, per esempio un locale sottoscala di libero accesso o un lastrico solare condominiale. In questo caso, chiunque dei condòmini può richiedere e possedere le chiavi?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Discussioni Simili...

Ultimi Messaggi sui Profili

Il condòmino del piano di sotto, ha la caldaia che scarica a parete. Io sto al secondo piano, lui al primo, quindi ho una fornace davanti le finestre. Alle mie domande, ho ricevuto risposte diverse e contrarie. Chi mi dice che alle caldaie a condensazione è permesso lo scarico a parete, e chi mi dice che sono quasi 10 anni che la legge vuole che si portino i fumi al tetto.Mi aiutate a capire?
Manuela
UBIQUITA' IMMOBILIARE
ovvero: stesso immobile, due condomìni

Ho acquistato un laboratorio ricavato dalla ristrutturazione di una officina meccanica e ho scoperto che il medesimo sub si trova inserito in due diversi condòmini confinanti, costretto a pagare spese duplicate.
Esistono analoghi casi di “ubiquità immobiliare”? Ovvero: può uno stesso sub essere contemporaneamente inserito in due diversi condòmini?
Alto