• CondominioPro.it è il primo forum italiano esclusivamente dedicato agli Amministratori di Condominio alle Imprese e ai Condòmini.

    Su CondominioPro puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti aprendo discussioni e trovare modulistica per il Condominio.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

marco80

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Buonasera a tutti. Bellissimo forum, complimenti :)
Inizio subito con un quesito... siamo sei proprietari di una palazzina di sei appartamenti, senza riscaldamento, ascensori o altri servizi particolari, così non essendo obbligati ad avere un amministratore, lo facciamo a turni un anno per uno o almeno così abbiamo sempre fatto. In fondo abbiamo da pagare l'assicurazione, la luce scale e le poche manutenzioni ordinarie sulle quali di solito ci accordiamo uninamemente parlandone per le scale la sera quando rientriamo tutti a casa...
Quindi tutto bene direte voi... infatti è così, se non che l'ultima volta che ne abbiamo parlato uno di noi ha manifestato la volontà di avere un amministratore professionista esterno e che lui non ha più voglia di occuparsene quando capita il suo turno.

Vorrei capire a questo punto come potremmo risolvere il problema... visto che nessuno di noi altri 5 vorrebbe inserire nel nostro meccanismo un esterno con i costi conseguenti.

Siamo obbligati a nominare un amministratore esterno se uno di noi lo vuole?
Si può fare che quando capita il suo turno paghi lui per quell'anno un professionista che tenga l'amministrazione di quello specifico esercizio e poi si torni alla normale turnazione?

Altre opzioni?
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
Premessa:
Ho il sospetto che la vostra "turnazione" come amministatori sia fatta senza il pieno rispetto delle procedure: delibera di nomina, tenuta registro verbali, comunicazione all' ADE ... etc etc.
Magari chiarisci meglio...perchè molte sono le responsbailità che anche se "sopportate" a turno...sarebbero statisticamente poco eque in determinati momenti.

Siamo obbligati a nominare un amministratore esterno se uno di noi lo vuole?
No.
Tal obbligo sussite solo quando esistono più di 8 proprietari.

Si può fare che quando capita il suo turno paghi lui per quell'anno un professionista che tenga l'amministrazione di quello specifico esercizio e poi si torni alla normale turnazione?
Formalmente no.
Se questo "dissidente" è favorevole a tale iniziativa nulla lo impedisce...ma personalmente eviterei per svariati motivi.
Posto che un "amministratore" di Condominio viene nominato da tutti (con la opportuna maggioranza) anche il costo è di competenza comune.
L'addebito ad un solo condòmino sarebbe contrario alla Legge e implicherebbe il formalizzare una ripartizione che lo veda unico partecipante al compenso del mandatario...fermo restando la suddivisione per millesimi (o in parti uguali visto dubito abbiate una tabella millesimale e abbiate sempre ripartito in tals enso) di tutte le altre spese comuni.
Dubito che il "contrario" accetti un simile onere che per 1 solo anno sarebbe rilevante.

Nulla vi impedisce di continuare la turnazione "saltando" chi non voglia adempiere...ma ancor meglio sarebbe che evitiate una nomina "de facto" (vedi la premessa) e "configuriate" una gestione "comune" dove tutti sono solidalmente responsabili (senza una turnazione ufficiale).

Se nominate un amministratore (sia esso un professionista o uno di voi "a turno") avete svariati obblighi cui adempiere con risvolti fiscali, civili e penali.
Il c/c Condominiale diviene obbligatorio ...ma io suggerirei di aprirlo comunque...basterà far confluire in esso tutte le spese e le quote in anticipo che la "contabilità" sarà subito evidente.
 

marco80

Nuovo Iscritto
Condòmino proprietario
Ho il sospetto che la vostra "turnazione" come amministatori sia fatta senza il pieno rispetto delle procedure: delibera di nomina, tenuta registro verbali, comunicazione all' ADE ... etc etc.
Sospetto corretto. In effetti ho definito "amministrare" come un gesto molto meno burocratico di quanto immagino sia stabilito dalle norme vigenti per chi lo fa in modo professionale.
No.
Tal obbligo sussite solo quando esistono più di 8 proprietari.
Ok
Nulla vi impedisce di continuare la turnazione "saltando" chi non voglia adempiere...ma ancor meglio sarebbe che evitiate una nomina "de facto" (vedi la premessa) e "configuriate" una gestione "comune" dove tutti sono solidalmente responsabili (senza una turnazione ufficiale).
uhmm... non so se siamo in grado di fare una roba del genere... :riflessione:
Mi sembra che alla fine, continuare noi saltando il contrario sia la soluzione più semplice ed economica almeno fino al giorno in cui non ci saranno delle spese da fare, nel quale caso sarà bene metterci nell'ordine di idee di avere un professionista che sappia fare quello che noi non siamo capaci.

Grazie, davvero :applauso:
 

Dimaraz

Moderatore
Membro dello Staff
Altro Professionista
In effetti ho definito "amministrare" come un gesto molto meno burocratico di quanto immagino sia stabilito dalle norme vigenti per chi lo fa in modo professionale.
Quindi immagino non abbiate nemmeno "regolarizzato" il Condominio facendo richiesta di Codice Fiscale.
A puro scopo informativo fate attenzione perchè esisterebbero degli obblighi di Legge (fra i quali la richiesta di Codice Fiscale) cui dovreste adempiere indipendentemtne dal fatto che abbiate un Amministratore "ufficiale".

Ovviamente improbabile (ma non impossibile) che vi arrivi un accertamento...ma come si dice: uomo avvisato mezzo salvato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto